Benvenuti nella rete civica dell'Unione dei Comuni Valle del Marecchia
Servizi
Guida ai servizi del Comune
Modulistica
Documenti allegati
ISTRUZIONI ONERI
RICHIESTA VOLTURA
RICHIESTA AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA
ASSEVERAZIONE DA ALLEGARE AL TITOLO EDILIZIO
ASSEVERAZIONE PER VARIANTI NON SOSTANZIALI
DICHIARAZIONE SICUREZZA LAVORO
TABELLE DIRITTI DI SEGRETERIA
SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ
RELAZIONE TECNICA DI ASSEVERAZIONE
COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI S.C.I.A. DIFFERITA
COMUNICAZIONE DI FINE LAVORI
MODULO PER IL CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE




Homepage / Guida ai servizi del comune
 
SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ (SCIA)
Versione stampabile

Comune: Santarcangelo di Romagna
Ufficio: Sportello unico edilizia
Referente: Luca Montanari

Descrizione:

La Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) è un titolo abilitativo alla realizzazione di opere ai sensi dell'art. 19 della L. 241/1990 e smi. Ai sensi della LR 15/2013 sono assoggettati a SCIA gli interventi non riconducibili all'attività edilizia libera e non soggetti a permessi di costruire, tra cui:
a) gli interventi di manutenzione straordinaria e le opere interne che non presentino i requisiti di cui all'articolo 7, comma 4 LR 15/2013 (soggetti a CIL);
b) gli interventi volti all'eliminazione delle barriere architettoniche, sensoriali e psicologico-cognitive come definite all'articolo 7, comma 1, lettera b), qualora interessino gli immobili compresi negli elenchi di cui alla Parte Seconda del decreto legislativo n. 42 del 2004 o gli immobili aventi valore storico-architettonico, individuati dagli strumenti urbanistici comunali ai sensi dell'articolo A-9, comma 1, dell'Allegato della legge regionale n. 20 del 2000, qualora riguardino le parti strutturali dell'edificio e comportino modifica della sagoma e degli altri parametri dell'edificio oggetto dell'intervento;
c) gli interventi restauro scientifico e quelli di restauro e risanamento conservativo;
d) gli interventi di ristrutturazione edilizia di cui alla lettera f) dell'Allegato, compresi gli interventi di recupero a fini abitativi dei sottotetti, nei casi e nei limiti di cui alla legge regionale 6 aprile 1998, n. 11 (Recupero a fini abitativi dei sottotetti esistenti);
e) il mutamento di destinazione d'uso senza opere che comporta aumento del carico urbanistico;
f) l'installazione o la revisione di impianti tecnologici che comportano la realizzazione di volumi tecnici al servizio di edifici o di attrezzature esistenti;
g) le varianti in corso d'opera di cui all'articolo 22 della LR 15/2013;
h) la realizzazione di parcheggi da destinare a pertinenza delle unità immobiliari, nei casi di cui all'articolo 9, comma 1, della legge 24 marzo 1989, n. 122;
i) le opere pertinenziali non classificabili come nuova costruzione ai sensi della lettera g.6) dell'Allegato alla LR 15/2013;
l) le recinzioni, le cancellate e i muri di cinta;
m) gli interventi di nuova costruzione purchè appositamente individuati dagli strumenti urbanistici che ne dispongano l'assoggettabilità a SCIA e non a Permesso di costruire e ne disciplinino i contenuti planovolumetrici, formali, tipologici e costruttivi;
n) gli interventi di demolizione parziale e integrale di manufatti edilizi;
o) il recupero e il risanamento delle aree libere urbane e gli interventi di rinaturalizzazione;
p) i significativi movimenti di terra di cui alla lettera m) dell'Allegato alla LR 15/2013,
nonché, ai sensi dell’art. 7 comma 1 lettera i)
- le piscine
Sono assoggettati a presentazione di SCIA gli interventi specificatamente individuati dal Regolamento Urbanistico Edilizio comunale vigente non già compresi nei casi sopra individuati.



Cosa fare:

L'avente titolo acquisisce le autorizzazioni e gli altri atti di assenso necessari per legge, ovvero può richiedere allo Sportello Unico di provvedere all'acquisizione di tali atti di assenso presentando la documentazione richiesta dalla disciplina di settore per il loro rilascio.
L'avente titolo presenta allo Sportello Unico la SCIA corredata dalla documentazione necessaria, tra cui gli elaborati progettuali e la dichiarazione di conformità alle leggi asseverata da progettista abilitato. La SCIA è corredata dalle autorizzazioni e dagli atti di assenso o dalle autocertificazioni, attestazioni e asseverazioni o certificazioni di tecnici abilitati. Nella SCIA va indicata la data di inizio lavori, non posteriore ad un anno dalla presentazione e può essere dichiarato il differimento dell'inizio dei lavori successivamente alla conclusione del procedimento di controllo. Qualora nella SCIA sia dichiarato il differimento dell'inizio dei lavori, l'interessato può chiedere che le autorizzazioni e gli atti di assenso siano acquisiti dallo Sportello Unico. In tal caso i 30 giorni per il controllo decorrono dal momento in cui lo Sportello Unico acquisisce tutti gli atti di assenso.
Entro 5 giorni lavorativi dalla presentazione della SCIA, lo Sportello Unico verifica la completezza della documentazione e delle dichiarazioni prodotte e comunica in via telematica all'interessato e al progettista l'inefficacia della SCIA o il suo regolare deposito. La SCIA è efficace a seguito della comunicazione di regolare deposito e comunque decorso il  termine di 5 giorni lavorativi dalla sua presentazione in assenza di comunicazione della verifica negativa.
Entro i trenta giorni successivi all'efficacia della SCIA lo Sportello Unico verifica la sussistenza dei requisiti e dei presupposti normativi per l'esecuzione dell'intervento. Tale termine può essere sospeso una sola volta per chiedere chiarimenti e acquisire integrazioni.
Anche decorso il termine dei 30 giorni lo Sportello Unico può vietare la prosecuzione dei lavori ordinando il ripristino dei luoghi ovvero ordinare una variazione progettuale entro un termine non superiore a 60 giorni, nei casi previsti dall'art. 14 della LR 15/2013.
Il termine di validità della SCIA è di tre anni dalla data di efficacia salvo proroghe per il termine di inizio e quello di ultimazione dei lavori comunicate ai sensi dell'art. 16 della LR 15/2013.
Ai sensi dell'art. 55 commi 2, 3 e 4, i termini di inizio e ultimazione dei lavori delle DIA e SCIA presentate entro il 31 luglio 2013 sono prorogati di due anni, purchè non siano entrate in vigore contrastanti previsioni urbanistiche ai sensi dell'art. 19 comma 6 LR 15/2013.
Alla conclusione delle opere ed entro il termine di validità del titolo originario l'interessato trasmette la comunicazione di fine dei lavori e congiuntamente la richiesta del rilascio del certificato di conformità edilizia e agibilità.

Documentazione richiesta:
- Modulo SCIA compilato in ogni sua parte, completo degli allegati obbligatori elencati nel modello stesso, è presentato allo Sportello Unico dal proprietario dell'immobile o da chi ne ha titolo, corredato dalla documentazione necessaria tra cui gli elaborati progettuali previsti per l’intervento che si intende realizzare e la dichiarazione con cui il progettista abilitato assevera analiticamente che l’intervento è conforme alle normative di settore (aggiornato al 03/03/2014)
- Relazione tecnica descrittiva
- Dichiarazione sostitutiva di notorietà
- Comunicazione inizio lavori SCIA differita
- Dichiarazioni ed autorizzazioni specifiche nei casi previsti in relazione al tipo di intervento
- Documentazione sismica
- Documentazione per gli obblighi per la tutela della salute e della sicurezza dei luoghi di lavoro (art.90 del D.Lgs n. 81/2008)
- Relazione tecnica rispondenza alle prescrizioni per il contenimento energetico
- Tabelle calcolo contributo di costruzione

E' inoltre necessario effettuare un versamento per diritti di segreteria da effettuare:
• presso la Tesoreria comunale Banca di Credito Cooperativo Valmarecchia - piazza Marini 31/34 (codice Iban: IT 65 E 0899568020022000022206)
oppure
• sul conto corrente postale n. 13197470 intestato a "Comune di Santarcangelo di Romagna - Servizio Tesoreria"
oppure
•  on line sul portale di PayER.

E' POSSIBILE PAGARE ON LINE

 



Costo: diritti di segreteria (Delibera commissariale n. 14/2013)

Dove rivolgersi:
Per informazioni e la consegna della richiesta:
Sportello Unico per l'Edilizia - Residenza Municipale 
piazza Ganganelli, 1 (scala B - piano secondo)
urbanistica@comune.santarcangelo.rn.it
Referenti:
- Geom. Luca Montanari (tel. 0541/356.278 - fax 0541/356.277)
- Geom. Maurizio Mulazzani (tel. 0541/356.255 - fax 0541/356.277) 
- Geom. Gabriele Gaviani (tel. 0541/356.307 - fax 0541/356.277)
- Geom. Claudia Polidori (tel. 0541/356.321 - fax 0541/356.277)
- Geom. Sara Ruggiero (tel. 0541/356.253 - fax 0541/356.277)
Orario d'apertura
lunedì dalle 10 alle 13 (solo protocollo) 
mercoledì dalle 10 alle 13 (su appuntamento)
venerdì dalle 10 alle 13 (protocollo e ricevimento pubblico)


Riferimenti:
D.P.R. 380/2001 
L.R. 15/2013


Ultimo aggiornamento:
05/03/2014 11.17.13




Comune di Santarcangelo di Romagna – piazza Ganganelli, 1 – 47822 Santarcangelo - tel. 0541/356.111, fax. 0541/626.464
Partita Iva/Codice fiscale 01219190400 - Sito realizzato dai Servizi di Comunicazione – piazza Ganganelli, 7
E-mail:urp@comune.santarcangelo.rn.it
Posta Elettronica Certificata:pec@pec.comune.santarcangelo.rn.it - Web design: Made Network