Benvenuti nella rete civica dell'Unione di Comuni Valmarecchia
Servizi
Guida ai servizi del Comune
Modulistica
Documenti allegati
ISTRUZIONI ONERI
TABELLE DIRITTI DI SEGRETERIA
RICHIESTA AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA
ASSEVERAZIONE DA ALLEGARE AL TITOLO EDILIZIO
ASSEVERAZIONE PER VARIANTI NON SOSTANZIALI
DICHIARAZIONE SICUREZZA LAVORI
RICHIESTA PERMESSO DI COSTRUIRE
RELAZIONE TECNICA DI ASSEVERAZIONE
COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI
MODULO PER IL CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE
ULTERIORI SOGGETTI COINVOLTI
DATI GEOMETRICI




Homepage / Guida ai servizi del comune
 
PERMESSO DI COSTRUIRE
Versione stampabile

Comune: Santarcangelo di Romagna
Ufficio: Sportello unico edilizia
Referente: Claudia Polidori

Descrizione:

Il Permesso di costruire è un titolo abilitativo alla realizzazione di interventi di trasformazione urbanistica ed edilizia del territorio ai sensi dell'art. 10 del D.P.R. 380/2001 e s.m.i. ai sensi dell'art. 17 comma 1 della LR 15/2013 sono assoggettati a Permesso di costruire gli interventi non riconducibili all'attività edilizia libera e non soggetti a SCIA, ovvero:
a) gli interventi di nuova costruzione con esclusione di quelli soggetti a SCIA, di cui all'articolo 13, lettera m);
b) gli interventi di ripristino tipologico;
c) gli interventi di ristrutturazione urbanistica.



Cosa fare:

L'avente titolo presenta allo Sportello Unico la domanda per il rilascio del permesso di costruire, sottoscritta dal proprietario o da chi ne abbia titolo, corredata dalla documentazione essenziale, tra cui gli elaborati progettuali previsti per l'intervento che si intende realizzare e la dichiarazione – asseverazione del il progettista abilitato.
Entro 10 giorni lavorativi dalla presentazione della domanda, il responsabile del procedimento verifica la completezza della documentazione e comunica all'interessato l'improcedibilità della domanda in caso di incompletezza.
Entro 60 giorni (120 per i casi complessi previsti dal RUE) dalla presentazione della domanda il responsabile del procedimento cura l'istruttoria, acquisendo i prescritti pareri dagli uffici comunali e richiedendo alle amministrazioni interessate il rilascio delle autorizzazioni e degli altri atti di assenso, compreso il parere della Commissione per la Qualità Architettonica e il Paesaggio qualora previsto, convocando l'interessato per concordare eventualmente i tempi e le modalità di modifica del progetto che si rendessero necessarie.
Il termine di 60 giorni resta sospeso fino alla presentazione della documentazione concordata.
Acquisiti gli atti necessari, entro la scadenza dei 60 giorni che riprende a decorrere dall’avvenuta integrazione documentale a completamento della pratica, il responsabile del procedimento formula una proposta di provvedimento, corredata da una relazione.
Il dirigente  del Settore entro 15 giorni dalla proposta di provvedimento (30 giorni in caso di provvedimento ostativo all'accoglimento) adotta il provvedimento finale che viene notificato all'interessato dallo Sportello Unico.
Se entro il termine di 60 giorni non sono intervenute le autorizzazioni e gli altri atti di assenso, comunque denominati, delle altre amministrazioni pubbliche o è intervenuto il dissenso di una o più amministrazioni interpellate, qualora tale dissenso non risulti fondato su un motivo assolutamente preclusivo dell'intervento, il responsabile dello Sportello unico indice la conferenza di servizi ai sensi degli articoli 14 e seguenti della legge n. 241 del 1990. La determinazione motivata di conclusione del procedimento, assunta nei termini di cui agli articoli da 14 a 14-ter della legge n. 241 del 1990, è, ad ogni effetto, titolo per la realizzazione dell'intervento.
Decorso inutilmente il termine per l'assunzione del provvedimento finale, la domanda di rilascio del permesso di costruire si intende accolta per silenzio-assenso, ad esclusione del caso in cui l'immobile oggetto dell'intervento sia sottoposto ad un vincolo la cui tutela compete in via di delega alla stessa amministrazione comunale. Su istanza dell'interessato, lo Sportello unico rilascia una attestazione circa l'avvenuta formazione del titolo abilitativo per decorrenza del termine.
Dell'avvenuto rilascio del permesso di costruire è data notizia al pubblico mediante pubblicazione sull'albo pretorio. Gli estremi del permesso di costruire sono indicati nel cartello esposto presso il cantiere.
I lavori devono essere iniziati entro un anno dalla data di rilascio del permesso, ovvero entro la scadenza della proroga per l'inizio delle opere, pena la decadenza del titolo edilizio. Come previsto dall'art. 12 comma 1 della LR 11/2010 l'efficacia del permesso di costruire è sospesa ed i lavori non possono essere iniziati se non viene trasmessa al Comune da parte del Committente o responsabile dei lavori la dichiarazione attestante l'avvenuta verifica della documentazione di cui all'art. 90 comma 9 lett. a) e b) del Dlgs 81/2008.
Alla comunicazione di inizio lavori va allegata un'autocertificazione, nella quale l'imprenditore, o il legale rappresentante dell'impresa appaltatrice, attesti che nei propri confronti non sussistono le cause di divieto, di decadenza o di sospensione, di cui all'art. 10 della Legge 31/05/1965 n.575 (oggi art. 67 del D.LGS.159/2011), e dove siano indicati gli estremi identificativi del permesso di costruire.
Alla conclusione delle opere ed entro il termine di validità del titolo originario l'interessato trasmette la comunicazione di fine dei lavori con allegata la documentazione attestante che l'impresa esecutrice è in regola con le norme antimafia, così come disposto dall'art. 12 comma 3 della LR 11/2010.

Comunicazione inizio lavori per interventi assentiti con Pdc
A seguito del rilascio del Permesso di costruire, è obbligatorio presentare allo Sportello Unico la Comunicazione di Inizio Lavori ai sensi dell'art. 19 comma 4 della LR 15/2013
Entro un anno a far data dalla notifica di rilascio del Permesso di costruire, l'intestatario del Permesso trasmette allo Sportello Unico il modulo di Comunicazione Inizio Lavori, a firma dell'intestatario del Permesso di costruire, con timbri e firme dell'Impresa esecutrice, del Direttore dei lavori, del Progettista strutturale, del Direttore di Lavori strutturali, allegando la documentazione necessaria. La mancata presentazione della comunicazione comporta decadenza automatica del Permesso di costruire.
Ai sensi dell'art. 19 comma 3 della LR 15/2013 il termine di inizio lavori può essere prorogato, anteriormente alla scadenza, con comunicazione motivata dell'interessato. Alla comunicazione è allegata la dichiarazione del progettista abilitato con cui assevera che non sono entrate in vigore contrastanti previsioni urbanistiche.
Ai sensi dell'art. 55 commi 2, 3 e 4, i termini di inizio lavori dei Permessi di costruire rilasciati entro il 31 luglio 2013 o già prorogati entro la medesima data e delle DIA e SCIA presentate entro il 31 luglio 2013 sono prorogati di due anni, purchè non siano entrate in vigore contrastanti previsioni urbanistiche ai sensi dell'art. 19 comma 6 LR 15/2013

Documentazione richiesta:
- Modulo Domanda Permesso di Costruire unitamente alla relazione  del progettista abilitato in cui assevera analiticamente che l’intervento è conforme alle normative di settore 
- Relazione tecnica descrittiva
- Elaborati progettuali
- Dichiarazione sostitutiva di notorietà
- Dichiarazioni ed autorizzazioni specifiche nei casi previsti in relazione al tipo di intervento
- Documentazione sismica
- Documentazione per gli obblighi per la tutela della salute e della sicurezza dei luoghi di lavoro (art.90 del D.Lgs n. 81/2008)
- Relazione tecnica rispondenza alle prescrizioni per il contenimento energetico
- Tabelle calcolo contributo di costruzione
- Modulo Comunicazione Inizio Lavori assentiti con Permesso di Costruire  con relativi allegati comprensiva di dichiarazione di affidamento dell'incarico all'impresa esecutrice, ai sensi dell'art. 90 lett. c) D.Lgs 81/2008 completa di relativi allegati.

E' inoltre necessario effettuare un versamento per diritti di segreteria da effettuare:
• presso la Tesoreria comunale Banca di Credito Cooperativo Valmarecchia - piazza Marini 31/34 (codice Iban: IT 65 E 0899568020022000022206)
oppure
• sul conto corrente postale n. 13197470 intestato a "Comune di Santarcangelo di Romagna - Servizio Tesoreria"
oppure
•  on line sul portale di PayER.

E' POSSIBILE PAGARE ON LINE




Costo: 16 euro per marca da bollo + costi variabili a seconda del tipo d’intervento (Delibera commissariale n. 14/2013)

Dove rivolgersi:
Per informazioni e consegna della richiesta:
Sportello Unico per l'Edilizia - Residenza Municipale 
piazza Ganganelli, 1 (scala B - piano secondo)
tel. 0541/356.321 - fax 0541/356.277 
urbanistica@comune.santarcangelo.rn.it 
Referenti:
- Geom. Luca Montanari (tel. 0541/356.278)
- Geom. Maurizio Mulazzani (tel. 0541/356.255)
- Geom. Gabriele Gaviani (tel. 0541/356.307)
- Geom. Claudia Polidori (tel. 0541/356.321)
- Geom. Sara Ruggiero (tel. 0541/356.253) 
Orario d'apertura:
lunedì dalle 10 alle 13 (solo protocollo) 
mercoledì dalle 10 alle 13 (su appuntamento)
venerdì dalle 10 alle 13 (protocollo e ricevimento pubblico)


Riferimenti:

D.P.R. 380/2001
L.R. 15/2013 
L.R. 11/2010



Ultimo aggiornamento:
26/11/2014 9.39.47




Comune di Santarcangelo di Romagna – piazza Ganganelli, 1 – 47822 Santarcangelo - tel. 0541/356.111, fax. 0541/626.464
Partita Iva/Codice fiscale 01219190400 - Sito realizzato dai Servizi di Comunicazione – piazza Ganganelli, 7
E-mail:urp@comune.santarcangelo.rn.it
Posta Elettronica Certificata:pec@pec.comune.santarcangelo.rn.it - Web design: Made Network