Benvenuti nella rete civica dell'Unione di Comuni Valmarecchia
Il comune informa
Comunicati stampa
Archivio news




Homepage / Comunicati Stampa / Dettaglio documento
 
Sezione: Comunicati stampa
Categoria: Comunicati stampa

La 42esima edizione del Festival al centro del dibattito in Consiglio comunale

Documento di lunedì 11 giugno 2012

L’appello del sindaco Morri: “Chi ne ha possibilità ospiti a casa propria gli artisti del Festival”


Il Consiglio comunale di venerdì 8 giugno si è riunito per la presentazione del 42mo Festival Internazionale del Teatro in Piazza e la discussione dei numerosi punti all’ordine del giorno. I lavori dell’assemblea si sono aperti con le comunicazioni  da parte del presidente del Consiglio Berlati, che ha richiamato l’attenzione dei consiglieri sull’attentato alla scuola Morvillo-Falcone di Brindisi e sul terremoto in Emilia. Due eventi molto diversi tra loro che hanno in comune lo sconvolgimento tutti coloro che vi hanno assistito: per questo motivo, il presidente Berlati ha espresso la solidarietà del Consiglio alle vittime di Brindisi, chiedendo inoltre all’assemblea di osservare un minuto di silenzio in memoria delle popolazioni colpite dal sisma emiliano. Sempre in relazione al terremoto, l’assessore ai Lavori Pubblici e Gestione del Territorio Roberto Moretti ha comunicato che l’Amministrazione comunale ha aderito all’appello della Protezione Civile per l’invio di personale di supporto nelle zone colpite dal sisma, ringraziando i tre tecnici comunali che si sono resi disponibili. A seguire, il consigliere Trezza (Psi) ha fatto una comunicazione sulla Festa del Libro che si è tenuta il 26 maggio scorso, mentre il consigliere Bertipagani (Idv) ha letto una comunicazione sulla raccolta firme per il referendum che ha l’obiettivo di ridurre lo stipendio dei parlamentari.

Dopo la presentazione di numerose interrogazioni (e relative risposte), il Consiglio si è pronunciato sull’acquisizione gratuita da parte del Comune di aree private ad uso pubblico ultraventennale. L’atto deliberativo è stato approvato dall’assemblea con voto unanime.

Il Consiglio ha quindi dato il benvenuto a Santarcangelo dei Teatri per la presentazione della 42ma edizione del Festival Internazionale del Teatro in Piazza (13/22 luglio). L’assessore alla Cultura Monica Ricci ha presentato il Festival puntando su tre concetti chiave, a cominciare dalla risonanza della manifestazione in ambito nazionale e internazionale. Il Festival è stato presentato nella mattinata di ieri (venerdì 8 giugno) con una conferenza stampa presso la regione Emilia-Romagna, ricevendo l’attenzione della stampa italiana ed europea. L’edizione di quest’anno, inoltre, rafforza il collegamento con altri Festival europei, confermando Santarcangelo come il più longevo Festival italiano di teatro contemporaneo. L’assessore ha quindi messo in evidenza l’indotto economico derivante dalla manifestazione, stimabile in un rapporto di 9 a 1 tra entrata e spesa: la dimostrazione di come sia possibile ottenere un risultato economico positivo solo con un progetto culturale forte come quello proposto dal Festival. Da ultimo, l’assessore Ricci ha evidenziato l’impatto culturale della manifestazione, amplificato quest’anno dalla destagionalizzazione dell’attività proposta con Anno Solare, che ha coinvolto la città con le rappresentazioni della rassegna È primavera!, gli spettacoli itineranti di Compagnia di giro, gli incontri di Memorie dal sottosuolo, due laboratori teatrali e una festa.

Il presidente di Santarcangelo dei Teatri Roberto Naccari ha messo in evidenza come il Festival di Santarcangelo sia capace di abbinare due valori contrastanti: innovazione e tradizione. In questo senso l’ostinata ricerca di nuovi linguaggi diventa una caratteristica distintiva che prosegue anche di fronte al passaggio generazionale avvenuto sia alla presidenza che alla direzione artistica del Festival. Naccari ha poi sottolineato l’obiettivo di programmare un’attività annuale, quindi non legata al solo evento estivo: le iniziative di Anno Solare, il rapporto con le scuole e i laboratori organizzati nei mesi che hanno preceduto il Festival hanno ottenuto un importante riscontro esterno. La 42esima edizione del Festival proporrà inoltre spazi più facilmente accessibili, con il recupero di luoghi non più utilizzati da anni come piazza Monache. Nello scenario teatrale europeo, ha concluso Naccari, la percezione circa l’importanza del Festival di Santarcangelo è molto alta.

Silvia Bottiroli, direttore per il triennio 2012-2014 con la condirezione di Rodolfo Sacchettini e Cristina Ventrucci, ha invece illustrato quello che sarà un programma molto articolato e denso di artisti internazionali. La dimensione internazionale è una priorità, ha detto Silvia Bottiroli, chiarendo che tutti gli artisti internazionali presenti al Festival arrivano in Italia per la prima volta. Piazza Ganganelli tornerà al centro del programma della manifestazione con spettacoli teatrali, cinema e con una maratona di liscio accompagnata da sonorità sperimentali, mentre allo sferisterio il Teatro della Valdoca realizzerà una sorta di accampamento poetico aperto allo sguardo degli spettatori tutti i giorni dal 16 al 22 luglio.

Dopo gli interventi dei condirettori Rodolfo Sacchettini e Cristina Ventrucci si è aperto un ampio dibattito con gli interventi di diversi consiglieri, a cominciare da Andrea Novelli. Il capogruppo di Una Mano per Santarcangelo ha dichiarato che il sostegno al Festival è una scelta di principio, un investimento che va considerato come una risorsa, apprezzando il fatto che quest’anno Santarcangelo dei Teatri organizza un’attività distribuita su più mesi. Emanuele Zangoli (Pd) ha sottolineato l’importanza del Festival a livello nazionale e internazionale, affermando che Santarcangelo non è immaginabile senza il suo Festival. Daniele Macrelli (Pdl) ha evidenziato invece che gli spettacoli proposti dal Festival si rivolgono solamente agli addetti ai lavori, mentre la programmazione dovrebbe tenere conto delle aspettative dei cittadini santarcangiolesi. Angelo Trezza (Psi) ho affermato che il Festival permette di vivere delle emozioni, creare fantasie e scoprire la bellezza, facendoci vivere un sogno e mettendo la città al centro del mondo. Il vicesindaco Massimo Paganelli ha poi ricordato tre figure particolarmente importanti per il Festival: il sindaco delle prime edizioni Romeo Donati, il primo direttore artistico Piero Patino e lo scomparso sindaco Cristina Garattoni, mettendo in evidenza che il Festival si è sempre confrontato con la città.

Nel suo intervento conclusivo, il sindaco Mauro Morri ha sottolineato l’importanza delle legame tra la città e il Festival, nato e sviluppatosi a Santarcangelo nonostante l’assenza di una struttura teatrale vera e propria. Attori e spettatori convivono negli stessi luoghi, in un abbraccio che rende il Festival una manifestazione popolare, in particolare quest’anno con il tema dello spazio pubblico che permea tutta la 42ma edizione. E in tema di location, altre due novità – ha puntualizzato il sindaco - riguardano il grande anfiteatro naturale recentemente ricavato al parco dei Cappuccini che ospiterà una sorta di anteprima del Festival con un omaggio a Tonino Guerra (giovedì 12 luglio alle ore 19,30) e la fabbrica acquisita poco tempo fa dalla stilista Liviana Conti (in via Fosse incrociate, una traversa di via Celletta dell’Olio) che ospiterà il dopo-Festival.

Nonostante le difficoltà dovute alla crisi, ha proseguito il sindaco, l’Amministrazione comunale ha garantito il consueto sostegno economico e logistico al Festival insieme a tutti gli altri enti pubblici coinvolti. Il primo cittadino ha quindi augurato buona fortuna alla rinnovata presidenza di Santarcangelo dei Teatri e alla direzione artistica del Festival, sottolineando la giovane età di tutti i suoi componenti come un segnale positivo, per poi concludere con un appello. “Sarebbe molto interessante che chi ne ha la possibilità ospiti a casa propria gli artisti che arrivano a Santarcangelo per il Festival” ha detto il sindaco. “Si tratta di un’esperienza entusiasmante, di profondo arricchimento personale, in grado di aumentare ancora il legame tra la città e il Festival. Per il futuro - ha concluso il sindaco Morri – si potrebbe pensare anche a un progetto specifico, una chiamata pubblica alla città per vivere questa particolarissima esperienza che per quanto mi riguarda ho già avuto modo di sperimentare lo scorso anno e che rivivrò anche per il Festival 2012.

I lavori del Consiglio sono terminati poco dopo le 24: la discussione delle sette mozioni all’ordine del giorno è stata rimandata a una seduta di prossima convocazione.







Comune di Santarcangelo di Romagna – piazza Ganganelli, 1 – 47822 Santarcangelo - tel. 0541/356.111, fax. 0541/626.464
Partita Iva/Codice fiscale 01219190400 - Sito realizzato dai Servizi di Comunicazione – piazza Ganganelli, 7
E-mail:urp@comune.santarcangelo.rn.it
Posta Elettronica Certificata:pec@pec.comune.santarcangelo.rn.it - Web design: Made Network