Sezioni

Difensore civico regionale

Il Difensore civico della Regione Emilia-Romagna è Gianluca Gardini, nominato dall'Assemblea legislativa a luglio 2013

Difensore civico regionale.bmp

Il Difensore civico è una figura autonoma e indipendente posta a garanzia dei diritti dei cittadini nei confronti della pubblica amministrazione e di quei soggetti, anche privati, che svolgono una funzione pubblica o di pubblico interesse, come i gestori di acqua, luce e gas.

Non è un giudice, né un avvocato, né un politico, ma un soggetto esterno alla pubblica amministrazione che ha il compito tutelare il cittadino nei confronti di carenze, disfunzioni, abusi o ritardi.

Con la sua azione il Difensore civico cerca di prevenire, sanare o mediare i conflitti fra amministrazione e cittadini, svolgendo in questo senso un'azione di promozione e stimolo della PA.

L’Istituto della Difesa civica nasce a inizio Ottocento nei Paesi scandinavi dove assume il nome di ombudsman, letteralmente «uomo che funge da tramite». E’ oramai presente in quasi tutti i Paesi europei e nella quasi totalità delle regioni italiane (anche se il Difensore civico nazionale non è stato nominato). A livello europeo esiste il Mediatore europeo.

In Emilia-Romagna, l’istituzione del Difensore civico è prevista dall’articolo 70 dello Statuto e disciplinata dalla legge regionale n. 25/2003 che ne definisce ruolo, funzioni e modalità di intervento.

Chi è

Cosa fa

A chi si rivolge

Come contattarlo

Azioni sul documento

pubblicato il 2018/02/15 13:02:00 GMT+2 ultima modifica 2018-02-15T13:01:28+02:00