Sezioni

Ultimati dieci alloggi di edilizia residenziale pubblica in via Di Vittorio

Il sopralluogo della Giunta comunale insieme al cda di Acer Rimini

Sono stati ultimati i dieci alloggi di edilizia residenziale pubblica di via Di Vittorio frutto di un accordo pubblico-privato. Nella giornata di ieri (giovedì 28 dicembre) la Giunta comunale e i componenti del cda di Acer Rimini hanno visitato i dieci appartamenti completati da pochi giorni insieme a Pietro Foschi e al figlio Loris, titolari della società immobiliare Fiordaliso che ha realizzato lo stabile nell’ambito della lottizzazione di via Pascoli.

Il nuovo edificio – di 800 metri quadrati disposti su due piani, oltre all’interrato dove sono collocati i garage – è dotato di pannelli solari termici e fotovoltaici che assicurano la produzione di energia elettrica (1 Kw per appartamento) e termica (almeno la metà del fabbisogno dell’acqua calda sanitaria). Inoltre gli appartamenti al piano terra – due dei quali fruibili anche da persone disabili – dispongono di un giardino di pertinenza, mentre quelli al piano superiore sono accessibili anche con l’ascensore.

“Il raggiungimento di questo obiettivo in un periodo non facile per l’economia e le nostre imprese – ha affermato il sindaco Alice Parma – si è reso possibile grazie alla stretta collaborazione fra l’ente pubblico, il Comune, e un privato che ha creduto in questa scommessa avviata dalle precedenti amministrazioni e portata avanti da questa Giunta comunale in maniera determinata fin dai primi giorni del suo insediamento. Oggi possiamo affermare che sono stati rispettati gli impegni assunti a marzo 2015, data di avvio dei lavori, aumentando in maniera consistente il nostro patrimonio abitativo pubblico. I dieci alloggi realizzati con cura dall’impresa Foschi, a cui va il nostro ringraziamento, corrispondono infatti a quasi il 10 per cento degli appartamenti Erp presenti a Santarcangelo”.
“Non possiamo non sottolineare l’alta qualità costruttiva di questo edificio e la sua collocazione nel pieno contesto urbano, in una realtà come quella di Santarcangelo che si distingue anche per il fatto di avere alloggi Erp in pieno centro storico”, ha sottolineato il presidente di Acer Rimini, Riccardo Fabbri. “Meriti che vanno in primo luogo all’amministrazione comunale – ha aggiunto – che ha saputo costruire e portare avanti un accordo con il privato in grado di produrre risultati che ritengo possano essere presi come esempio per interventi di questo genere”.

“Vorrei rimarcare – ha affermato l’assessore alla Pianificazione urbanistica e Lavori pubblici, Filippo Sacchetti, – la validità di questo progetto e la serietà con cui l’ente pubblico e il partner privato hanno portato avanti l’accordo raggiunto, che ha permesso un investimento importante, addirittura superiore a quello inizialmente previsto di 1.676.000 euro, interamente a carico dell’impresa”.

“In questi anni l’emergenza abitativa ha rappresentato una delle problematiche più importanti anche per Santarcangelo, come dimostrano i numerosi interventi e le nuove misure messe in campo dall’amministrazione comunale a sostegno di persone e famiglie in difficoltà”, ha aggiunto in chiusura l’assessore ai Servizi sociali Danilo Rinaldi. “Grazie alla realizzazione di questi nuovi alloggi abbiamo già attivato le procedure di mobilità che consentiranno di liberare alcuni appartamenti attualmente sottoutilizzati, per poi procedere all’assegnazione degli alloggi disponibili a dieci nuovi nuclei. Da giugno 2014 a oggi sono stati assegnati 18 alloggi popolari: i dieci appena completati – conclude Rinaldi – implementano notevolmente la dotazioni di edilizia residenziale pubblica di Santarcangelo, offrendo una risposta concreta e significativa alle necessità abitative della città”.

Intanto, a breve avranno inizio i lavori per la costruzione di una palazzina di edilizia convenzionata in via Pedrignone: in questo caso l’accordo pubblico-privato permetterà di realizzare appartamenti di varie metrature che potranno essere messi in vendita – sulla base di criteri prestabiliti – a prezzi sensibilmente ridotti rispetto a quelli di mercato.

Azioni sul documento

pubblicato il 2017/12/29 14:21:36 GMT+2 ultima modifica 2017-12-29T14:21:41+02:00