Sezioni

Veicoli a inquinamento zero, grazie all’accordo con Enel presto a Santarcangelo una rete di ricarica elettrica

Dieci i punti di rifornimento che saranno attivati in centro e nelle frazioni L’assessore Fussi: “Un’azione concreta per ridurre l’inquinamento ambientale e acustico”

Nei prossimi mesi a Santarcangelo nascerà una rete di ricarica elettrica. Nei giorni scorsi infatti la giunta comunale ha siglato un protocollo d’intesa con Enel X s.r.l., la società del gruppo Enel s.p.a. nata nel 2017 per offrire una serie di prodotti e servizi innovativi per l’efficienza energetica, grazie a cui già entro la fine dell’anno arriveranno in città i primi punti per la ricarica di veicoli elettrici.
Dieci le aree individuate provvisoriamente da amministrazione comunale ed Enel, le prime delle quali dovrebbero interessare piazzale Augusto Campana, dove già sono collocate la Casa dell’acqua e la Casa del pulito, e piazzale Francolini. Altre stazioni di ricarica verranno via via aggiunte nel capoluogo e nelle frazioni, tenendo conto dei punti e delle aree di sosta più frequentati da mezzi e persone.

Il protocollo di intesa con Enel X s.r.l. avrà durata di otto anni, salvo specifiche richieste da parte dell’amministrazione comunale che avvia in questo modo un progetto sperimentale finalizzato a sensibilizzare e incentivare i cittadini all’utilizzo dei veicoli elettrici, oggi ancora scarsamente diffusi. Per l’assessore a Qualità ambientale e Sviluppo sostenibile Pamela Fussi, si tratta di un’azione concreta per ridurre l’inquinamento acustico e ambientale, che si va ad affiancare ad altre già messe in campo dall’amministrazione comunale, come le Case dell’acqua e la Casa del pulito. “Il progetto che avviamo oggi in via sperimentale – dichiara l’assessore Fussi – mi auguro possa consolidarsi e implementarsi ulteriormente nel tempo, perché il problema dell’inquinamento è purtroppo ancora oggi estremamente attuale e con gravi implicazioni per la salute delle persone. L’installazione di dieci stazioni per il rifornimento dei veicoli elettrici si inserisce nel quadro normativo europeo e, a cascata, in quello nazionale e regionale dove – con il Patto dei sindaci per l’Energia sostenibile – le amministrazioni comunali si sono prese degli impegni ben precisi per l’abbattimento delle emissioni di Co2 entro il 2020”. “La mobilità elettrica – prosegue l’assessore Fussi – offre dunque grandi potenzialità per la riduzione dell’inquinamento e la tutela della salute dei cittadini, ed è per questo motivo che intendiamo creare una rete di punti per il rifornimento elettrico ponendo una particolare attenzione alle frazioni e ai punti di sosta e passaggio più frequentati presenti sul nostro territorio”.

Azioni sul documento

pubblicato il 2018/07/26 13:35:42 GMT+2 ultima modifica 2018-07-26T13:35:49+02:00