Sezioni

Passaporto per animali da compagnia

interessa cani, gatti e furetti

Che cos'è

Il "pet passport" è il passaporto europeo per animali da compagnia (cani, gatti e furetti) che viaggiano con il proprietario (o persona incaricata) negli Stati dell'Unione europea o extra-UE. E’ obbligatorio dal 1° ottobre 2004. Contiene una sezione anagrafica e una parte sanitaria con i dati della vaccinazione antirabbica, eventuali esami clinici e trattamenti terapeutici.

Per il rilascio del passaporto l’animale deve essere registrato all’anagrafe degli animali da affezione e viene identificato tramite il microchip o il tatuaggio (solo se applicato prima del 3 luglio 2011 e se perfettamente leggibile).

Per approfondimenti:

Cosa fare

Il "pet passport" viene rilasciato dai Servizi veterinari delle Aziende Usl. Il proprietario del cane, gatto o furetto che richiede il “pet passport” deve portare al Servizio veterinario l’animale (per il controllo di leggibilità del microchip/tatuaggio) e mostrare sia il certificato di avvenuta applicazione del microchip/tatuaggio sia il libretto sanitario (per la verifica dell’ultima vaccinazione antirabbica eseguita.)

La vaccinazione antirabbica ancora valida eseguita prima del rilascio del passaporto viene registrata nel “pet passport”. Le vaccinazioni eseguite dopo il rilascio del passaporto possono essere registrate direttamente sul passaporto dal veterinario libero professionista autorizzato che le ha somministrate.

Riferimenti normativi

Regolamento comunitario n. 998/2003

Legge regionale n. 27 del 7 aprile 2000: "Nuove norme per la tutela ed il controllo della popolazione canina e felina"

Legge regionale n. 5/2005: "Norme a tutela del benessere animale"

Azioni sul documento

pubblicato il 2017/11/23 11:45:44 GMT+2 ultima modifica 2018-10-15T17:08:08+02:00