Sezioni

Occupazione di suolo pubblico da parte di partiti politici

informazioni e moduli relativi all'occupazione di suolo pubblico da parte dei partiti politici al di fuori del periodo di propaganda elettorale (ossia ad eccezione dei 30 giorni precedenti il voto)

Modalità per la richiesta di occupazione temporanea di suolo pubblico

Chi può fare richiesta

I partiti politici, possono richiedere di occupare temporaneamente il suolo pubblico comunale. Chi richiede la concessione di occupazione temporanea deve essere il rappresentante o il suo delegato. Le occupazioni possono essere di modesta entità con l’utilizzo di tavolini, pannelli, cavalletti, gazebo.

Documentazione da presentare

In allegato è disponibile il "modulo occupazione temporanea suolo pubblico”.
La domanda di occupazione temporanea di suolo pubblico va indirizzata al Sindaco.
La domanda deve essere corredata di tutti i seguenti elementi:

  1. i dati del richiedente;
  2. l'individuazione specifica dell'area da occupare precisandone l'entità in mq;
  3. il tipo di attività che si intende svolgere, i mezzi o supporti fisici con cui si intende occupare, la loro metratura;
  4. la durata e la frequenza dell'occupazione;
  5. la firma da parte del richiedente.

Le istanze presentate all’Amministrazione Comunale dai partiti politici, salvo i casi di esenzione, sono soggette all’imposta di bollo fin dall’origine (C.f.r. Risoluzione dell’Agenzia delle Entrate n. 89/E del 01/04/2009). Va inoltre allegata una marca da bollo da applicare sull’autorizzazione.

Sono esenti dal pagamento della marca da bollo i partiti per i seguenti motivi:

  1. Raccolta di firme per candidature elettorali (art. 14, c.3, L. 53/90)
    L'occupazione del suolo pubblico per la raccolta di firme per candidature elettorali con banchetto (tavolo, sedie, gazebo ), esente da imposta di bollo ai sensi del DPR 642/72 e successive modificazioni, può essere concessa dai 180 giorni antecedenti le votazioni.
  2. Raccolta di firme per campagne referendarie (L. 352/70 e successive modificazioni) e petizioni legislative
    L'occupazione del suolo pubblico per la raccolta di firme in occasione di campagne referendarie e petizioni con banchetto (tavolo, sedie, gazebo ), esente da imposta di bollo ai sensi del DPR 642/72 e successive modificazioni.
  3. Propaganda elettorale e propaganda referendaria
    L'occupazione del suolo pubblico per propaganda (tavolo, sedie, gazebo), esente da imposta di bollo ai sensi del DPR 642/72 e successive modificazioni, può essere concessa dai 30 giorni antecedenti le votazioni.
    L’autorizzazione, alle domande presentate da partiti politici, se in bollo è sottoposta al pagamento di € 0,52 di diritti comunali di segreteria.

La gestione delle aree pubbliche è affidata ai Servizi Demografici (tel. 0541/356.266-301-241; fax 0541/624.972; indirizzo e-mail anagrafe@comune.santarcangelo.rn.it

Tempi e criteri per l'assegnazione degli spazi

La direttiva di Giunta n. 1/2016 intende disciplinare, nel rispetto delle norme contenute nel Codice della Strada, l’occupazione di suolo pubblico o privato comunque ad uso pubblico per l’allestimento di presidi di informazione e propaganda politica, limitatamente a quella parte del centro storico coincidente con il cosiddetto “centro commerciale naturale” e, in caso di fiere o altri importanti eventi, a tutto il capoluogo.

La richiesta di occupazione di suolo pubblico per iniziative di carattere politico va presentata almeno 3 giorni prima della data di inizio.

  1. L’occupazione di suolo pubblico o privato ad uso pubblico, per le finalità di cui sopra, è consentito esclusivamente per l’esposizione di materiale informativo cartaceo, video, informatico ed altri prodotti di comunicazione e per favorire il contatto diretto delle persone.
  2. Per l’allestimento di tali presidi sono ammesse sedie, tavoli (max 2m x 1m); eventuali ombrelloni e gazebo solari (max 3m. x 3m.) senza ancoraggi a terra, nonché bandiere, stendardi, drappi, ecc.
  3. Limitazioni:
    • nelle giornate di mercato del venerdì, durante lo svolgimento dello stesso, i presidi sono autorizzati al di fuori del perimetro del mercato e lungo i portici che delimitano piazza Ganganelli;
    • quando i presidi sono autorizzati anche in piazza Ganganelli questi dovranno trovare collocazione a ridosso del perimetro della stessa;
    • in occasione delle fiere, del mercatino domenicale dell’antiquariato o di altri importanti eventi, non potranno essere autorizzati presidi nel capoluogo;
    • le domande per l’occupazione di suolo pubblico devono essere presentate direttamente all’Ufficio protocollo non prima di  30 giorni  dalla data richiesta e non potranno essere cumulative e riguardare più date. Fanno eccezione le richieste (max 3 giorni) che riguardano i fine settimana o prefestivi;
    • in caso di più domande coincidenti per data e locazione gli interessati verranno chiamati per individuare una soluzione concordata in mancanza della quale avrà priorità chi ha presentato per primo la domanda;
    • Se le circostanze lo richiedono, al fine di evitare ostacoli agli accessi o allo svolgimento di attività economiche nonché per garantire la sicurezza delle vie di transito possono essere disposte ulteriori limitazioni alle modalità di allestimento dei presidi di cui al punto 2).
    • In occasione del periodo che va dal primo dicembre al sei gennaio non potranno essere autorizzati presidi nel centro storico nella parte individuata nella planimetria allegato sub “A”.
    • In occasione di elezioni si applicano le “Norme per la disciplina della propaganda elettorale” previste dalla legge 4 aprile 1956, n. 212.

Riferimenti normativi

  • Deliberazione di Consiglio Comunale n. 126 del 24/01/2013 "Approvazione modifiche al regolamento comunale per la disciplina dei mezzi pubblicitari”.
  • Direttiva della Giunta n. 1 del 28/06/2016 “Occupazione suolo pubblico per allestimento presidi di informazione e propaganda e iniziative di sensibilizzazione”

Responsabile del procedimento

Paola Borzacchiello

Allegati

Qui sotto sono disponibili la modulistica e gli allegati al procedimento.