Sezioni

Sanzioni stradali: come pagare

area tematica Polizia municipale / Sicurezza

Il verbale di contestazione

E' l’atto pubblico col quale si procede alla formale imputazione dell’infrazione accertata, comunicando di fatto l’inizio del procedimento sanzionatorio. Può essere di vari colori, grande o piccolo, spedito per posta o consegnato personalmente nelle mani delle persone interessate.
Il preavviso di accertata violazione rappresenta una particolare forma di documento ed è il classico avviso lasciato sul parabrezza dei veicoli posteggiati in una località vietata. Lo compila il personale della Polizia Municipale o gli ausiliari del traffico nel momento in cui è accertata la violazione.
I dati che compongono l’avviso sono:

  • il giorno e l’ora dell’accertamento;
  • la località dov'è stata rilevata la sosta irregolare, la targa, la marca ed il tipo del veicolo;
  • la violazione commessa, la sanzione pecuniaria corrispondente alla violazione commessa, la firma, col numero di matricola, dell’agente accertatore. 

Mediante tale avviso si offre al trasgressore l’opportunità di effettuare il pagamento della sola sanzione prima che questa sia gravata da ulteriori costi relativi alle spese sostenute dalla pubblica amministrazione nell'attuare la procedura sanzionatoria prevista dalla legge (spese d’accertamento al Pra, spese di notifica, ecc.).

Cosa fare

Pagamento ridotto del 30 per cento

Il Comando della Polizia Municipale dell’Unione di Comuni Valmarecchia ha dato le disposizioni al proprio personale per il recepimento del Decreto Legge (pubblicato in Gazzetta ufficiale il 20 agosto 2013) che prevede la riduzione del 30% dell'importo della sanzione qualora il pagamento avvenga entro 5 giorni dalla contestazione o notificazione del verbale.

Per quanto riguarda i “preavvisi di sosta”, per i quali non è quindi ancora avvenuta né la contestazione né la notificazione, la riduzione del 30% è ammessa nei casi consentiti qualora il pagamento avvenga entro 5 giorni dalla data di accertamento della violazione.

In questi casi sarà possibile effettuare il pagamento immediatamente all’operatore qualora sia munito di strumenti di pagamento elettronico (la Polizia Municipale possiede un terminale POS), in base a quanto stabilito dal Codice della strada.

Casi in cui la riduzione non è applicabile

La riduzione non è invece applicabile per una serie di violazioni, quando:

  • il pagamento in misura ridotta non è consentito;
  • è prevista la sanzione accessoria della confisca del veicolo;
  • è prevista la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida.

Responsabile del procedimento

Fabio Cenni

Azioni sul documento

pubblicato il 2017/12/04 13:33:00 GMT+2 ultima modifica 2018-07-28T12:40:01+02:00