Sezioni

100mila euro di contributi a fondo perduto per sostenere le imprese danneggiate dall’emergenza sanitaria

L’assessore Zangoli: “Decisione condivisa con le associazioni di categoria. A breve le modalità di accesso, somme liquidate entro l’anno”

Un fondo di 100mila euro per aiutare le imprese di Santarcangelo danneggiate dall’emergenza Covid-19. La decisione presa qualche giorno fa dalla Giunta comunale si concretizzerà con l’assestamento di bilancio di fine luglio, quando l’attuale disponibilità di 25.000 euro verrà incrementata di ulteriori 75.000 euro da destinare a fondo perduto alle aziende. L’aumento delle risorse da destinare alle attività economiche in difficoltà fa seguito ai numerosi provvedimenti a sostegno delle famiglie: dai buoni spesa alimentari alle riduzioni delle rette dei centri estivi, dai contributi per contenere il peso degli affitti sugli inquilini fino a quelli destinati ai proprietari di immobili per la rinegoziazione dei contratti di locazione per abitazioni.

“L’idea di stanziare un fondo per supportare direttamente le aziende è stata condivisa con i rappresentanti delle associazioni di categoria, con i quali definiremo a breve i criteri per poter accedere ai contributi con modalità semplici ed efficaci”, spiega l’assessore al Bilancio Emanuele Zangoli. “È la prima volta che prevediamo aiuti diretti a fondo perduto destinati alle attività economiche, ma riteniamo che questa misura debba essere sperimentata tenuto conto del momento che stiamo attraversando”.

Quanto alle tempistiche, una volta stanziata la somma di 100mila euro con l’approvazione da parte del Consiglio comunale dell’assestamento di bilancio a fine luglio, le procedure per l’emissione del bando e la presentazione delle domande si dovrebbero concludere entro l’autunno, per far sì che i contributi siano liquidati entro la fine del 2020.
“Con questo fondo portiamo a oltre 450.000 euro il totale degli aiuti messi a disposizione delle imprese”, aggiunge l’assessore Zangoli. “Per favorire il rilancio delle nostre aziende, infatti, nei mesi scorsi abbiamo previsto una serie di esenzioni e agevolazioni riguardanti il canone per l’occupazione del suolo pubblico, la tassa rifiuti e l’Imu per un valore complessivo di circa 350.000 euro”.

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/07/16 12:52:31 GMT+1 ultima modifica 2020-07-16T12:52:36+01:00