Sezioni

Coronavirus, sospesi accertamenti, riscossioni, versamenti e contenziosi sui tributi comunali e cartelle esattoriali

La sindaca Parma: “Prime misure di sostegno per ridurre l’impatto negativo dell’emergenza. I proprietari di immobili commerciali e abitazioni valutino la riduzione degli affitti ai privati in difficoltà”

Sospensione di tutti i termini dell’attività di accertamento, riscossione, versamento e contenzioso dall’8 marzo al 31 maggio 2020: questa la novità più rilevante che riguarda i tributi locali introdotta dal decreto legge del 17 marzo 2020 n. 18. Secondo le disposizioni #CuraItalia sono dunque sospese le attività e le scadenze per l’accertamento, la riscossione, il versamento e il contenzioso relativi ai tributi comunali e, allo stesso modo sono prorogati tutti i termini di versamento delle cartelle esattoriali e delle ingiunzioni di pagamento in scadenza dall’8 marzo al 31 maggio.

Per quanto riguarda Santarcangelo, le misure sospensive del decreto legge si aggiungono a quelle già disposte nelle scorse settimane dall’Amministrazione comunale che riguardavano la proroga dei termini per alcuni tributi comunali (pagamento Cosap e rateizzazioni posticipati al 31 luglio 2020), e proroga di 30 giorni sia della presentazione delle dichiarazioni, sia dei relativi versamenti della tassa sui rifiuti e della imposta sulla pubblicità durante il periodo di emergenza.

“In questo momento di forte difficoltà – dichiara la sindaca Alice Parma – è fondamentale ridurre l’impatto negativo dal punto di vista economico delle disposizioni per il contenimento del Coronavirus: per questa ragione già dalle scorse settimane ci siamo attivati per determinare la sospensione di pagamenti e dichiarazioni relativi ai tributi locali in scadenza”. “Siamo pronti a valutare anche ulteriori misure di sostegno, sulla base dei provvedimenti assunti da Stato e Regione, per risollevare quanto prima il tessuto economico, sociale e culturale della nostra città. Allo stesso modo, invito i privati proprietari di immobili a valutare una riduzione temporanea degli affitti: sia nei confronti degli esercizi economici che hanno dovuto sospendere l’attività, sia nei confronti di tutti gli affittuari di abitazioni private che non possono lavorare o accedere agli ammortizzatori sociali. Per uscire da questo momento di difficoltà – conclude la sindaca Parma – la coesione sociale è determinante: serve il contributo di tutti e un’assunzione di responsabilità di ciascuno per far fronte a questo momento di emergenza ed essere pronti a risollevarci insieme”.

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/03/20 12:40:00 GMT+1 ultima modifica 2020-03-30T11:38:36+01:00