Sezioni

Giornata della Memoria, le iniziative entrano nel vivo

Domenica 26 concerto, lunedì 27 flash mob e presentazione del volume. “Il marchio dei diversi”, giovedì 30 lettura pubblica da “L’ultimo viaggio”

Entrano nel vivo a partire da domenica 26 gennaio le iniziative di Santarcangelo per la Giornata della Memoria, organizzate come di consueto con il coordinamento del Comitato cittadino antifascista (tavolo di lavoro presieduto dalla sindaca Alice Parma che riunisce Amministrazione comunale, Anpi e associazioni combattentistiche del territorio, enti pubblici, scuole e forze politiche locali).

Mentre l’installazione “Mnemosyne 1.0” resterà visitabile sotto il porticato del Municipio fino a sabato 25 gennaio, domenica 26 è prevista un’anteprima musicale della ricorrenza: alle ore 16 presso il teatrino della Collegiata, infatti, va in scena “Siman Tov Quintet”, concerto di musica klezmer a cura della scuola comunale di musica Giulio Faini, dedicato alla Giornata della Memoria nell’ambito della rassegna “Musica Maestri!” (seconda edizione).

Sul palco saliranno Fabrizio Flisi (pianoforte), Tiziano Paganelli (fisarmonica), Federico Lapa (percussioni), Gioele Sindona (violino e voce) e Stefano Bertozzi (clarinetto), preceduti da un’esibizione degli studenti della scuola, mentre a fine serata è previsto un piccolo buffet. Il biglietto d’ingresso è 10 euro (ridotto 8 euro), per info e prenotazioni è possibile contattare il numero 328/7094349.

Lunedì 27 gennaio – 75° anniversario dall’apertura dei cancelli di Auschwitz – la giornata della ricorrenza comincia alle ore 8,30 nell’aula magna dell’Itse Rino Molari, dove ragazzi e ragazze delle due classi che lo scorso ottobre hanno preso parte al “viaggio della memoria” organizzato in collaborazione con l’Istituto per la Storia della Resistenza e dell'Italia Contemporanea della Provincia di Rimini racconteranno ai loro compagni il “Viaggio ad Auschwitz con gli occhi dei millenials”.

Alle ore 20, sempre lunedì 27 gennaio, “Mnemosyne 1.0” si sposterà simbolicamente dal porticato del Municipio al Molari accompagnata da un nuovo flash mob, che percorrerà viale Mazzini e via Orsini per raggiungere la scuola. Qui prenderà vita “Mnemosyne 2.0”: la nuova installazione sarà visitabile nel seminterrato del Molari da martedì 28 a venerdì 31 gennaio dalle 8,30 alle 16,30 e sabato 1° febbraio dalle 8,30 alle 12,30.

Alle ore 20,30 nell’aula magna del Molari si terrà invece l’incontro con il giornalista Emilio Drudi, che presenterà il suo nuovo libro “Il marchio dei diversi”. Entrambe le iniziative – aperte alla cittadinanza a differenza dell’incontro mattutino, riservato a ragazzi e ragazze della scuola – sono organizzate dagli studenti in collaborazione con l’Anpi di Santarcangelo.

Anche quest’anno, inoltre, si rinnova l’appuntamento con le letture animate per le scuole elementari e medie dal titolo “La memoria ricordata”, al via sabato 25 fino a venerdì 31 gennaio. L’iniziativa – realizzata dalle lettrici volontarie del gruppo Amici della Biblioteca di Santarcangelo e dagli operatori della Baldini – seguirà la formula ormai collaudata di letture scelte a partire da un tema: per le quarte elementari l’argomento guida sarà il pregiudizio, con brani dai libri “La strega in fondo alla via” di Jarmila Kurucova e Olivier Tallec e “La portinaia Apollonia” di Lia Levi ed Emanuela Orciari; per le quinte invece il tema sarà la solidarietà, con letture da “La storia di Erika” di Ruth Vander Zee e “La città che sussurrò” di Jennifer Elvgren.

Oltre a 18 classi delle scuole Pascucci, Ricci, Giovanni XXIII, Fratelli Cervi e Della Pasqua, quest’anno l’iniziativa è rivolta anche alla scuola media Franchini, con la lettura di brani tratti dal volume “L'ultimo viaggio” di Irene Cohen-Janca e Maurizio A.C. Quarello, accompagnata da clip del film “Dottor Korczak” di Andrzej Wajda (1990) e da una riflessione sul significato delle parole esclusione e accoglienza.

Il dottor Korczac fu un pedagogista ebreo che, pur avendo l'occasione di fuggire, rimase insieme ai bambini del “suo” orfanatrofio fino alla loro deportazione. A questa vicenda e al libro che la racconta – che è proprio “L’ultimo viaggio” – sarà dedicata anche la lettura pubblica realizzata dalle lettrici volontarie Maura Marchi, Lidia Ioli, Anna Lombardi e Laura Bartolini del gruppo Abs, aperta a tutta la cittadinanza nella serata di giovedì 30 gennaio (ore 21) presso la biblioteca Baldini.

Il Supercinema, invece, quest’anno partecipa alle iniziative per la Giornata della Memoria organizzando proiezioni mattutine per le scuole del film “La primavera di Christine” di Mirjam Unger (2016): per info e adesioni è possibile contattare l’associazione Dogville al numero 333/9480237.

La biblioteca Baldini, infine, invita tutti a visitare la mostra “Don Giovanni Montali (1881-1959)”, dedicata al santarcangiolese e parroco di Riccione a sessant’anni dalla sua morte. Nato a Canonica nel 1881, è uno dei tanti santarcangiolesi che si è distinto per l'impegno a vivere il suo tempo con intraprendenza e responsabilità. Testimone di dialogo, di impegno civile e di riconciliazione, Don Montali ha vissuto una particolare amicizia con Rino Molari, con il quale ha condiviso l'impegno nella Resistenza e nel salvataggio di diverse famiglie ebree. La mostra – visitabile fino al 31 gennaio nella galleria Baldini della biblioteca – è realizzata dalla parrocchia di San Michele Arcangelo con il patrocinio dell’Amministrazione comunale.

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/01/24 14:10:00 GMT+1 ultima modifica 2020-01-24T14:10:46+01:00