Sezioni

Comunicazione non ostile

Il Comune di Santarcangelo ha aderito al progetto sociale di sensibilizzazione contro la violenza nelle parole

Parole_ostili.pngL'Associazione Parole Ostili ha elaborato un progetto sociale di sensibilizzazione contro la violenza nelle parole, che costituisce un'occasione per ridefinire lo stile con cui si sta sul web e per responsabilizzare gli utenti a scegliere con cura le parole, partendo dal presupposto che in particolare i social network, pur essendo luoghi virtuali, non sono un porto franco, ma il centro in cui si incontrano persone reali.

Il Progetto

Parole O_Stili ha l’ambizione di ridefinire lo stile con cui le persone stanno in Rete, vuole diffondere l’attitudine positiva a scegliere le parole con cura e la consapevolezza che le parole sono importanti.

Il potere delle parole: commuovono, uniscono, scaldano il cuore. Oppure feriscono, offendono, allontanano.
In Rete, spesso l’aggressività domina tra tweet, post, status e stories.
È vero che i social media sono luoghi virtuali, ma è vero che le persone che vi si incontrano sono reali, e che le conseguenze sono reali.
Per questo oggi, specie in Rete, dobbiamo stare attenti a come usiamo le parole.

I manifesti

Il Comune di Santarcangelo ha aderito al Manifesto con Delibera di Consiglio n. 26 del 4.4.2019.

Per perseguire tale scopo, Parole Ostili ha  elaborato,   tra gli altri, il Manifesto della comunicazione non ostile e  il Manifesto della comunicazione non ostile per la  Pubblica Amministrazione, frutto di un lavoro di partecipazione collettiva a cui hanno contribuito esperti della comunicazione, del marketing, del giornalismo e utenti e appassionati della Rete.

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/07/06 10:30:00 GMT+1 ultima modifica 2019-07-06T10:36:01+01:00