Sezioni

AFRICA UNITE System of a Sound nel km quadrato di Santarcangelo

Bunna e Madaski, leader della storica band, sono i primi grandi nomi del programma di capodanno

Il primo grande nome della festa di San Silvestro a Santarcangelo è AFRICA UNITE System of a Sound. Due componenti della storica band del raggae italiano saranno infatti ospiti del Capodanno in un km quadrato, con un live set che partirà sotto al porticato del Municipio dopo i fuochi di mezzanotte.

AFRICA UNITE System of a Sound è un viaggio, un dialogo tra le due teste pensanti di Africa Unite. Due stili di intendere la musica messi a confronto in un clash che alterna le selezioni di Bunna alle elaborazioni live dub delle stesse da parte di Madaski. Reggae, roots, dub ed elettronica unite sotto il comune denominatore del sound che, da sempre, ha influenzato la loro produzione musicale: gran profusione di basse frequenze con costante attenzione al far muovere la dance hall.

Il live set di AFRICA UNITE System of a Sound si affianca allo show del Bradipop, che sotto una copertura di venti metri quadrati presenterà in piazza Ganganelli una proposta musicale a base di disco anni ‘80. Sul palco salirà dj Magi, dj-resident che ha fatto la storia del locale negli ultimi anni.

Il capodanno di Santarcangelo conferma comunque la sua impostazione consolidata: una festa da vivere a piedi, abbandonando l’auto per trascorrere l’intera notte tra le vie del centro in piena sicurezza. La possibilità di cenare in uno dei locali del centro con la loro offerta enogastronomica ampia e diversificata, concerti di grande qualità per una serata musicale di primo livello. E poi brindisi e fuochi d’artificio a mezzanotte, per concludere con la variegata proposta musicale pensata anche quest’anno in collaborazione con il Bradipop club.

Il disvelamento del programma giorno per giorno proseguirà anche la prossima settimana, in un ideale conto alla rovescia che porterà a scoprire una alla volta le location, i dj coinvolti, gli ospiti e il gruppo musicale che accompagnerà la fine del 2018 in piazza Ganganelli.

Africa Unite – Dal 1981 ad oggi gli Africa Unite propongono il loro stile musicale fatto di ritmo in levare, reggae, dub, elettronica, rappresentando l’esempio di band più longeva e duratura del genere, in Italia. Hanno calpestato i palchi della penisola con costanza ed applicazione (più di 2000 date), e con alcune puntate all’estero si sono guadagnati buona considerazione anche all'interno di importanti festival europei. 16 album pubblicati, tra cui 2 live, un “best of” e una dub compilation (su etichetta tedesca Echobeach), li hanno visti migrare da label indipendenti a major come Polygram/Mercury e Universal, destreggiandosi in una miscela di sound molto personale, alternando l’uso della lingua italiana e inglese. Bunna e Madaski, da ormai 34 anni, muovono le fila di questa grande esperienza che ha sempre privilegiato la coerenza nella sperimentazione, l’attenzione per le tematiche sociali e una grande attenzione alla tecnica musicale quali elementi fondamentali per la composizione del loro repertorio. Attenti e curati nel live, molto pragmatici e diretti, assolutamente scevri da atteggiamenti mistico-filosofici e dai luoghi comuni del genere, diretti nel comunicare il loro stile e la loro passione per la musica. Queste sono le caratteristiche di Africa Unite.

Azioni sul documento

pubblicato il 2018/12/08 14:25:00 GMT+1 ultima modifica 2018-12-08T14:23:43+01:00