Sezioni

Contributi destinati a inquilini morosi incolpevoli

parole chiave: casa, affitto, canone - area tematica: servizi sociali e contributi

Descrizione

Per morosità incolpevole si intende la situazione di sopravvenuta impossibilità a provvedere al pagamento del canone locativo a ragione della perdita, o consistente riduzione, della capacità reddituale del nucleo familiare. La perdita o la consistente riduzione della capacità reddituale possono essere dovute, a titolo esemplificativo e non esaustivo, a una delle seguenti cause: perdita o riduzione del lavoro, cassa integrazione, cessazione di attività libero professionale o malattia grave.

Gli apporti a sostegno possono arrivare fino a un massimo di 12.000 euro, a seconda delle varie fasi e differenti modalità della procedura di sfratto in atto.

Requisiti

A norma del decreto del ministero delle infrastrutture e dei trasporti del 30/3/2016, per l’ammissione al beneficio i nuclei familiari richiedenti devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

a) possesso di cittadinanza italiana, di un paese dell'UE ovvero, nei casi di cittadini non appartenenti all'UE, possesso di un regolare titolo di soggiorno;

b) residenza nel comune di Santarcangelo;

c) titolarità di un contratto di locazione di unità immobiliare a uso abitativo regolarmente registrato (esclusi gli immobili appartenenti alle categorie A1, A8 e A9 e residenza nell’alloggio oggetto della procedura di rilascio da almeno un anno;

d) essere destinatari di un atto di intimazione di sfratto per morosità, con citazione per la convalida. Possono accedere al beneficio anche gli assegnatari di alloggio di proprietà comunale destinatari di un provvedimento di ricorso per sfratto e decreto ingiuntivo ex art. 32 del Regio Decreto 28/04/1938 n. 1165, in corso di notifica;

e) non titolarità di diritto di proprietà, usufrutto, uso o abitazione nella provincia di Rimini di altro immobile fruibile edadeguato alle esigenze del proprio nucleo familiare;

f) reddito Ise non superiore a 35.000 euro un reddito derivante da regolare attività  lavorativa con un valore Isee non superiore a 26.000 euro.

Come presentare domanda

Le domande potranno essere presentate a partire dal 6 novembre 2017 fino al 31 dicembre 2018, salvo esaurimento anticipato dei fondi.

Le domande di partecipazione al beneficio devono essere presentate in forma di dichiarazione sostitutiva a norma del D.P.R. 28 dicembre 2000, n.445, compilate unicamente sui moduli predisposti dall’Unione di Comuni Valmarecchia.

Alla domanda dovrà essere allegata la documentazione attestante il possesso dei requisiti e delle condizioni utili per l’accesso al beneficio.

Responsabile del procedimento

Francesca Razzaboni

Allegati

Qui sotto trovi la modulistica e gli approfondimenti relativi al procedimento.