Sezioni

Bilancio di previsione 2019: esentati dall’addizionale Irpef oltre la metà dei contribuenti santarcangiolesi

In previsione un nuovo fondo di 10mila euro per agevolare gli affitti a canone concordato

Con il Bilancio di previsione 2019/2021, che verrà discusso in Consiglio comunale nella seduta di giovedì 20 dicembre, l’Amministrazione comunale introduce alcune importanti novità. Sono infatti diverse le azioni messe in campo dalla Giunta per il 2019 e per gli anni successivi sotto vari profili: dall’applicazione dell’addizionale Irpef al fondo per l’esenzione e la riduzione della tassa rifiuti, dagli stanziamenti per favorire gli affitti a canone concordato fino ai servizi a domanda individuale.

In primo piano nella manovra di bilancio, la rimodulazione dell’addizionale comunale Irpef che i Comuni hanno facoltà di differenziare in relazione agli scaglioni di reddito. E proprio sulla rimodulazione è intervenuta la Giunta comunale confermando quanto già previsto dal bilancio di previsione dello scorso anno: nel 2019 va infatti a regime l’innalzamento della soglia di esenzione dall’addizionale per i redditi fino a 15.000 euro. Un’operazione che – come spiega il vicesindaco e assessore al Bilancio, Emanuele Zangoli – va di pari passo a quella che riduce da 0,73 a 0,68 l’aliquota per il secondo scaglione di reddito da 15mila a 28mila euro, entrambe rese possibili grazie ai maggiori trasferimenti statali visto che il calo di gettito complessivo stimato dal Comune ammonta a circa 100mila euro. “La scelta dell’Amministrazione comunale – dichiara il vicesindaco Zangoli – avrà un impatto particolarmente rilevante per i santarcangiolesi, dal momento che oltre la metà dei contribuenti, soprattutto dipendenti e pensionati, ricadrà nello scaglione di reddito che potrà beneficiare dell’esenzione dall’Irpef e la restante parte della diminuzione dell’aliquota di 0,5 punti percentuali. Una scelta frutto del confronto con le parti sociali condotto in passato, così come nel corso di quest’anno, dal quale abbiamo raccolto indicazioni e suggerimenti importanti relativamente alla tassazione locale, per poi metterli in pratica nel concreto”.

Nessun aumento è inoltre previsto per i servizi a domanda individuale e per la tassa smaltimento rifiuti: se sul primo fronte le famiglie vedranno abbassarsi le tariffe mensili dei nidi d’infanzia comunali grazie alla riforma introdotta dalla Buona Scuola, anche la Tari non aumenterà dal momento che l’Amministrazione si farà carico dei maggiori oneri collegati all’attivazione dei servizi di raccolta porta a porta in alcune vie del territorio comunale e per le attività economiche del centro. La Giunta comunale ha inoltre confermato anche per il 2019 il fondo di quasi 100mila euro a beneficio di famiglie e imprese che nel 2018 ha interessato circa 500 utenze che hanno ottenuto esenzioni o riduzioni sulla Tari.

Restano invariate anche le aliquote Imu, rispetto a cui sul finire dello scorso anno gli uffici comunali hanno effettuato un articolato lavoro di revisione dei valori delle aree fabbricabili sulla base dei diversi strumenti urbanistici approvati dall’Amministrazione comunale (Psc e Poc). Un’altra importante novità è prevista sul fronte degli accordi territoriali che regolano i contratti di affitto a canone concordato: nei prossimi mesi, infatti, l’Amministrazione comunale procederà al rinnovo del nuovo accordo con i sindacati e le organizzazioni dei proprietari e degli inquilini per agevolare l’incontro tra domanda e offerta sulla locazione degli immobili. In quest’ottica la Giunta comunale intende istituire un fondo di 10mila euro destinato ai proprietari di immobili che affitteranno a canone concordato. “Un’azione di equità sociale – commenta il vicesindaco Zangoli – che va ad aggiungersi alle tante opportunità già attive sul tema ‘casa’: dal contributo sull’affitto alle politiche di emergenza abitativa, dai rapporti con Acer ai progetti di housing first per assicurare una soluzione abitativa a soggetti particolarmente fragili e in difficoltà. Sempre in tema di equità – prosegue Zangoli – va sottolineato l’importante lavoro compiuto dagli uffici comunali per il recupero del gettito pregresso sulla tassazione locale, che resta in linea con i dati degli anni precedenti”.

Azioni sul documento

pubblicato il 2018/12/18 13:46:48 GMT+1 ultima modifica 2018-12-18T13:46:53+01:00