Sezioni

Polizia Locale di vallata, il bilancio dell’attività 2020 all’insegna dell’emergenza Covid

3.000 persone controllate per spostamenti e oltre 2.000 autocertificazioni acquisite 426 le pattuglie effettuate e 763 i controlli presso i pubblici esercizi

L’attività 2020 della Polizia locale di vallata nei Comuni di Santarcangelo, Poggio Torriana e Verucchio è stata fortemente contrassegnata dall’emergenza Coronavirus. Oltre 3.000 le persone controllate per spostamenti e corretto utilizzo dei dispositivi anti-Covid, 426 le pattuglie effettuate su disposizione della Questura di Rimini e 2.083 le autocertificazioni acquisite dagli agenti, che hanno anche effettuato 763 controlli presso gli esercizi pubblici ed elevato circa 60 sanzioni in violazione alle normative per il contrasto alla diffusione del virus.

“Si è trattato di un impegno e di uno sforzo organizzativo davvero straordinari, che hanno messo a dura prova tutti gli agenti sia nel primo lockdown, quando il territorio della provincia di Rimini era in zona rossa, che nei mesi successivi, con i numerosi controlli effettuati per la corretta applicazione delle disposizioni anti-Covid”, commenta l’assessore alla Polizia locale dell’Unione di Comuni Valmarecchia, Ronny Raggini. “Un’attività – aggiunge – che è andata a sommarsi alle altre funzioni di presidio del territorio, fra le quali vanno sicuramente ricordate la viabilità, con i pattugliamenti e le violazioni accertate al codice della strada, i controlli su richiesta dei cittadini e quelli anagrafici, il presidio ai mercati nonché all’entrata e all’uscita dalle scuole”.

Nonostante le funzioni aggiuntive richieste dall’emergenza sanitaria, infatti, il numero di pattuglie effettuate ha subito solo un leggero decremento, passando dalle 1.215 del 2019 alle 1.141 dei dodici mesi appena trascorsi. Un trend che si ripete anche per quanto riguarda il numero di veicoli controllati, che si riduce solo di poco: da 1.942 a 1.890. Crescono invece i posti di controllo: dai 319 del 2019 ai 361 dello scorso anno, 144 dei quali con strumentazione elettronica per l’accertamento della velocità.

Le violazioni al codice della strada accertate al 31 dicembre 2020 sono risultate 5.748 contro le 6.900 del 2019. Di queste, 3.477 non si riferiscono alla sosta, mentre quelle rilevate con l’utilizzo di autovelox e scout speed aumentano sensibilmente rispetto al 2019: da 482 a 848. Stabili le violazioni rilevate dalle telecamere delle zone a traffico limitato per accedere nel centro storico di Santarcangelo (1.880), mentre salgono le violazioni amministrative: 194 in totale, 65 delle quali per abbandono di rifiuti accertate grazie alla collaborazione delle Guardie ecozoofile volontarie e all’associazione Accademia Kronos.

Se i controlli all’entrata e all’uscita dalle scuole aumentano, passando da 45 a 60, l’attività di educazione stradale nelle scuole – praticamente azzerata nel 2020 – ripartirà quest’anno con lezioni all’aperto, come concordato con le direzioni didattiche. In riduzione, infine, gli incidenti stradali rilevati dalla Polizia Locale nei tre Comuni, che passano dai 148 del 2019 ai 110 dello scorso anno, mentre le patenti ritirate diminuiscono da 79 a 43.

Per l’assessore alle Politiche per la sicurezza del Comune di Santarcangelo, Filippo Sacchetti, la risposta in termini di azioni preventive, presidio del territorio e attività per promuovere la sicurezza e la coesione sociale da parte della Polizia locale è stata all’altezza dell’emergenza causata dalla diffusione del Coronavirus. “Non dobbiamo dimenticare – conclude l’assessore Sacchetti – che soprattutto nei primi mesi del lockdown la Polizia locale è stata un punto di riferimento per tantissimi cittadini in difficoltà in seguito all’introduzione di limitazioni mai vissute prima”.